VINI E DISTILLATI – Paladino Irpinia Fiano DOC 2015 Colli di Castelfranci

Paladino Irpinia Fiano DOC 2015 Colli di Castelfranci_1

E’ un cavaliere audace che combatte con orgoglio la sua impresa enologica, come tutti i vini di questa giovane azienda intitolata a Castelfranci, antico borgo della provincia di Avellino. Un microcosmo incastonato nell’alta Irpinia, a 450 metri sopra la Valle del Calore, dove il vino come spesso accade da queste parti è una questione di famiglia, nel senso che dall’unione di viticultori legati alla propria terra nascono prodotti assai felici.

Paladino Irpinia Fiano DOC 2015 Colli di Castelfranci_2

Così è stato, infatti, per i Gregori-Colucci che, tra rossi e bianchi autoctoni, hanno una scuderia di cavalli di razza, espressioni dell’Aglianico (siamo nell’area del Taurasi Docg), ma anche del Greco, del Fiano e della Falanghina. Etichette battezzate con nomi che sembrano usciti da un poema epico del ‘500, estrosi appellativi cui fa eco una filosofia solida, basata sull’assioma che “il vino si fa in vigna”: con rese basse, uve raccolte a mano e vinificate nella cantina di proprietà, a pochi metri dai vigneti.

Paladino Irpinia Fiano DOC 2015 Colli di Castelfranci_3

Naturalmente l’esposizione, il clima e la ricchezza del suolo fanno il resto, insieme alla sapiente unione fra tradizione e innovazione, un binomio applicato anche a questo Fiano in purezza, frutto di uve ben mature vendemmiate a metà ottobre e fermentate in acciaio a basse temperature; per questo, una volta nel bicchiere, il Paladino racconta quanto gli abbia giovato l’essere rimasto sulle bucce alcuni mesi prima di essere imbottigliato.

Lo dimostra con il suo profilo di un dorato scarico, con i suoi profumi giovanili e tipici, nocciola tostata in primis, non senza una vaga nota speziata; raffinato e complesso in bocca, ha una bella vena acida che gli dona grande freschezza e longevità. Con il pesce in genere ci sta bene, ovviamente, come sulle carni bianche, specie con un coniglio in porchetta, ma di certo può dire benissimo la sua a tutto pasto o con aperitivi vari, magari a base di formaggi freschi, dal primo sale alle mozzarelle di bufala. Costa 9 € e, da buon guerriero qual è, col tempo di sicuro compirà grandi gesta.

Clara Ippolito

 

Advertisements